PARTAGAS MADURO 1 VS 2 RHUM DI DIVERSI TERROIR

Moderatori: Lazzaro Santandrea, bob_rock

Rispondi
BAFFO MAGICO
Messaggi: 12
Iscritto il: 29 nov 2017 19:03
Nazione: ITALIA
Cigar Club CCA: BACCOETABACCO

PARTAGAS MADURO 1 VS 2 RHUM DI DIVERSI TERROIR

Messaggio da BAFFO MAGICO » 02 dic 2017 08:32

UN POST PRANZO IN RIVENDITA.
Come tutti sapete sono un tabaccaio e la mia giornata lavorativa inizia alle 7:00 per terminare alle 20:30. Cosa c’e di meglio, in questi pomeriggi di agosto, che provare qualche abbinamento interessante magari da proporre a qualche serata del Bacco&Tabacco Cigar Club??. Dopo un pranzo molto veloce, intorno alle 13:30, mi chiudo nel negozio ed ho 2 ore per sperimentare qualcosa che sia ludico ma nello stesso tempo non scontato ed interessante. Principalmente, mi spinge la passione, l’interesse ma ancor meglio la curiosità di provare abbinamenti che a volte possono destare sorpresa, ma anche spunto di riflessione ed approfondimento. Personalmente ho una visione diversa della passione nel mondo del fumo lento, la maggior parte dei fumatori rimangono ancorati a manufatti ben precisi ho perlomeno a varietali specifici, generalmente preferiscono godere a pieno di un sigaro senza il bisogno di abbinare niente ad esso, questo e corretto per una degustazione tecnica esclusiva sul manufatto. Quando riesco, seppur con difficoltà, a concedermi del tempo preferisco mettere alla prova più attori in contemporanea, in questo modo, le variabili sono molteplici e le combinazioni innumerevoli.
Preparo il mio angolo, sul tavolo , un blocco notes, un Partagas Maduro no.1, un bicchiere di rum Dos Maderas 5+5, un bicchiere di rum Barbados selezione Moon Import ed 1 bottiglia d’acqua effervescente da alternare tra le varie prove.
Iniziamo con il sigaro, perche proprio lui tra tanti?, il motivo è semplice , appena uscito ne ho fumati 3 esemplari ed in tutti e tre del primo box arrivato in tabaccheria ho riscontrato sentori tannici , punte ammoniacali, poca complessità aromatica e in genere un equilibrio al limite dell’ accettabile senza trascurar che, anche se al livello visivo si presentava ben vestito , il riempimento non omogeneo creava non pochi difetti meccanici durante tutta la fumata. Un manufatto sicuramente interessante perchè non dargli un’ulteriore possibilità??. La scelta dei 2 rum è fatta invece seguendo un altro criterio, 2 prodotti tra loro differenti per tipologia, materia prima, affinamento e terroir d’origine, ma, pur sempre prodotti che si equivalgono al livello di costo e che entrambi abbiano un buonissimo rapporto qualità/prezzo senza in alcun modo ostentare abbinamenti con distillati di altissima eccellenza, prodotti abbordabili a tutti e nello stesso tempo di facile approccio.
Nello specifico il Dos Maderas 5+5 è ottenuto da un blend di rum di ottima qualità provenienti da Barbados e dalla Guyana proprio grazie a questo assemblaggio le diverse origini danno vita ad una seducente complessità aromatica. Punto di forza il particolare affinamento , infatti, dopo i primi 5 anni di invecchiamento nella zona dei caraibi, il prodotto viene portato nel vecchio continente precisamente a JEREZ dove viene fatto affinare per ulteriori 3 anni in botti che hanno contenuto precedentemente, per almeno 5 anni, Dos Cortado Oloroso, e successivamente ulteriore affinamento per 2 anni in botti che hanno contenuto, per un minimo di 20 anni Don Guido PX. Questa innovativa ed inimitabile fusione di culture conferisce al distillato un delizioso sapore ed una straordinaria e vellutata soavità con un finale piacevolmente lungo, persistente e gradevolissimo. Nel ballon si presenta scuro, penetrante, profondo di un bel colore ambra, olfattivamente una buona complessità dapprima esprime note di vaniglia e frutta sotto spirito, in bocca rimane rotondo, pieno con una buona sensazione pseudo calorica grazie ai suoi 40%, la persistenza gustativa richiama note eleganti ben in equilibrio tra loro con sentori di uva passa e fichi secchi.
Il secondo distillato Barbados selezione MOON IMPORT, un distillato molto interessante rappresenta il primo prezzo della personale firmata MONGIARDINO, una linea che comprende 4 prodotti in totale, di 4 diversi terroir, con 4 gusti tra loro diversi. Particolarità estrema che tutti questi rhum provengono da barili originali , invecchiati in scozia e successivamente selezionati ed imbottigliati singolarmente poiché la Scozia è la regione del mondo dove la maturazione dell ‘alcool risulta essere la migliore in termine assoluto, con i suoi 45% , e si percepiscono alla grande, visivamente si presenta sempre un color ambrato anche se leggermente più tenue rispetto al precedente distillato al naso esprime un percepibile sentore di cannella, cacao e noce moscata in bocca dopo qualche secondo, sempre stando attenti a prenderne piccoli sorsi, il gusto piacevolmente legnoso misto a curcuma ed uva passa, equilibrio spettacolare e persistenza, lunga, intrigante ed elegantemente speziata rilascia un sottofondo agrumato ed una certa mineralità che solo i distillati maturati in Sozia possono esprimere in modo netto ed inequivocabile.
A questo punto mi metto un bel sottofondo musicale e cosa c’è di meglio che una raccolta dei LED ZEPPELIN? , vado a ghigliottinare ed a preriscaldare il PARTAGAS, dividendo la fumata nei 3 tercios e analizzando i doppi abbinamenti ad ogni singolo tercio.
In questo caso coincidono la vitola de galera a quella de salida, dimensioni 52 di cepo per un largo pari a 130 direi oltre 1 ora e mezza abbondantemente. Il manufatto proviene da un’altro box, cuno ottobre 2016, la presentazione molto bella, un semi boite nature con nel complesso una grande uniformità cromatica tra i puros presenti all’interno. Assolutamente da non confondere la dicitura MADURO del PARTAGAS con quella del MADURO 5 COHIBA, infatti il PARTAGAS subisce un’ ulteriore fermentazione sulla capa e non un affinamento per 5 anni come nel caso della linea COHIBA MADURO 5. Sia al tatto che visivamente il sigaro si presenta ben costruito , riempito in maniera omogenea, vestito di una capa bellissima di un color colorado maduro , leggermente ruvida ma ben tirata, a crudo il caratteristico gusto di terra umida misto ad una nota di cacao. Impiego un buon minuto per un’accensione minuziosa, perfetta e regolare e cerco il più possibile di non stressare il puros facendo puff lenti e ben cadenzati. Il tiraggio risulta perfetto, già dai primissimi puff ottima la quantità di fumo, l’ingresso dolce e cremoso, erbe aromatiche e cacao in equilibrio sostenute da una media forza in questo momento metto in gioco i distillati alternandoli ad acqua frizzante.
Per questa prima fase in maniera netta ed inequivocabile ha la meglio il Dos Maderas, il sentore di fichi secchi e la struttura del distillato non copre la forza del sigaro ed anzi ne amplifica il gusto allungandone la persistenza aromatica in un piacevolissimo connubio.
Nel secondo tercio si sente un’evoluzione intesa come un cambiamento che non precisamente esprime un aumento di forza ma bensì un incremento aromatico, la forza rimane quella iniziale ma a livello gustativo il cacao si fonde al legno stagionato ed ad una buona componente speziata di media forza , equilibrio e la meccanica sempre ottime, retro nasalmente una nuance di boiserie mi fa ricredere molto su questo manufatto che inizialmente non mi aveva entusiasmato. Provo per ben 2 volte gli abbinamenti e sinceramente la complessità delle componenti in gioco mi mette in confusione, molte le variabili, personalmente non nego che in questi casi è molto difficile essere imparziali e giudicare con razionalità diventa pura utopia. Il rhum Barbados è quasi in perfetto abbinamento, in concordanza oltre che il cacao che esprime anche il Dos Maderas si vanno ad aggiungere sensazioni legnose e speziature anche se a livello complessivo non posso definirlo perfetto in quanto la forza del Patent Still ed i suoi 45% si lasciano ben sentire e vanno a coprire la persistenza del manufatto invece di prolungarla. Per essere pienamente obbiettivo direi che entrambi i distillati sono in questa seconda fase abbinabili, anche se entra in gioco un compromesso personalissimo nello specifico, il Dos Maderas risulta poco in complessità aromatica ma non copre mentre il Barbados amplifica la paletta aromatica in bocca ma sovrasta dopo pochi secondi il gusto e la persistenza del sigaro lasciando una leggera sfumatura ferrosa ed una sapidità nel cavo orale.
Infine terzo ed ultimo tercio un’incremento di forza, un alternanza continua, sempre e comunque in ottimo equilibrio, tra note ciccolatose e legnose sostenute entrambe da una piacevolissima speziatura a tal proposito risulta ottimo l’ abbinamento con il Barbados MOON IMPORT direi un connubio perfetto, una valida concordanza aromatica una grande e lunga persistenza amplifica e fa emergere, dopo la successione, distillato, puff, distillato anche note balsamiche di lunga durata ed al livello mentale ci si sente pienamente appagati e completamente soddisfatti.
Da questa esperienza vorrei trarre delle osservazioni sulla scelta dei vari prodotti tra loro combinati, infatti, tutti e 3 rappresentano delle particolarità innovative. Il sigaro oltre ad essere emblema di una nuova linea di PARTAGAS discosta un pò dalle caratteristiche riconducibili allo storico marchio, un carattere più delicato e rotondo, i distillati entrambi particolarissimi , il primo gioca sull’ assemblaggio ed il suo successivo affinamento, il secondo regala finali intensi, unici ed irresistibili grazie alla maturazione in terra di Scozia, comunque tutti e 3 diversi dalla massa, nati e creati dalle aziende, dalle scelte di mercato, dalla sperimentazione di creare qualcosa di diverso che discosti da ferree regole dettate dal classicismo, prodotti che fanno dell’innovazione e della sperimentazione motivo di orgoglio per le aziende che rischiano ed azzardano uscendo dai soliti schemi e che nello stesso tempo potrebbero farne punto di forza nel futuro.
Tutto questo solo per NOI.
Un fumosissimo abbraccio a tutta la CCA.


[p] [p] [p] [p] [p] [p] [p] [p] [p] [p] [p] [p] [p] [p] [p] [p]



Avatar utente
Jaime
Messaggi: 1780
Iscritto il: 30 apr 2004 02:00
Nazione: Italia
Cigar Club CCA: Alto Salento Cigar Club

Re: PATAGAS MADURO 1 VS 2 RHUM DI DIVERSI TERROIR

Messaggio da Jaime » 02 dic 2017 10:21

Grazie Fabio, bellissimo ed esauriente resoconto!
Non sono al tuo pari un fine conoscitore di Rum e di distillati in generale, però mi è piaciuto il tuo approccio comparativo, certamente da provare.
Sono assolutamente d'accordo con te sulla particolarità del carattere del nuovo Partagas Maduro 1. Si tratta, credo, della prima espressione di una "nouvelle vague" in cui la Real Fabrica si sta cimentando. Il Maduro 1 in effetti non ha il tipico carattere Partagas ma esprime una palette aromatica singolare, assolutamente inedita per il famoso brand.
Qualcosa di simile l'ho rinvenuto nella EL 2016 di Trinidad, il Topes, dove il registro aromatico è tanto nuovo e anomalo per la marca quanto intrigante e seducente. Entrambi i manufatti sono piuttosto giovani, per cui occorre dare loro il tempo per sviluppare al minimo le loro effettive potenzialità, ma a mio parere sono manufatti destinati a offrire grandi fumate da qui a qualche anno.

Avatar utente
Jaime
Messaggi: 1780
Iscritto il: 30 apr 2004 02:00
Nazione: Italia
Cigar Club CCA: Alto Salento Cigar Club

Re: PATAGAS MADURO 1 VS 2 RHUM DI DIVERSI TERROIR

Messaggio da Jaime » 02 dic 2017 10:21

Grazie Fabio, bellissimo ed esauriente resoconto!
Non sono al tuo pari un fine conoscitore di Rum e di distillati in generale, però mi è piaciuto il tuo approccio comparativo, certamente da provare.
Sono assolutamente d'accordo con te sulla particolarità del carattere del nuovo Partagas Maduro 1. Si tratta, credo, della prima espressione di una "nouvelle vague" in cui la Real Fabrica si sta cimentando. Il Maduro 1 in effetti non ha il tipico carattere Partagas ma esprime una palette aromatica singolare, assolutamente inedita per il famoso brand.
Qualcosa di simile l'ho rinvenuto nella EL 2016 di Trinidad, il Topes, dove il registro aromatico è tanto nuovo e anomalo per la marca quanto intrigante e seducente. Entrambi i manufatti sono piuttosto giovani, per cui occorre dare loro il tempo per sviluppare al minimo le loro effettive potenzialità, ma a mio parere sono manufatti destinati a offrire grandi fumate da qui a qualche anno.

BAFFO MAGICO
Messaggi: 12
Iscritto il: 29 nov 2017 19:03
Nazione: ITALIA
Cigar Club CCA: BACCOETABACCO

Re: PATAGAS MADURO 1 VS 2 RHUM DI DIVERSI TERROIR

Messaggio da BAFFO MAGICO » 02 dic 2017 16:08

Jaime ha scritto:Grazie Fabio, bellissimo ed esauriente resoconto!
Non sono al tuo pari un fine conoscitore di Rum e di distillati in generale, però mi è piaciuto il tuo approccio comparativo, certamente da provare.
Sono assolutamente d'accordo con te sulla particolarità del carattere del nuovo Partagas Maduro 1. Si tratta, credo, della prima espressione di una "nouvelle vague" in cui la Real Fabrica si sta cimentando. Il Maduro 1 in effetti non ha il tipico carattere Partagas ma esprime una palette aromatica singolare, assolutamente inedita per il famoso brand.
Qualcosa di simile l'ho rinvenuto nella EL 2016 di Trinidad, il Topes, dove il registro aromatico è tanto nuovo e anomalo per la marca quanto intrigante e seducente. Entrambi i manufatti sono piuttosto giovani, per cui occorre dare loro il tempo per sviluppare al minimo le loro effettive potenzialità, ma a mio parere sono manufatti destinati a offrire grandi fumate da qui a qualche anno.
GRAZIE JAIME
mi fa molto piacere che hai apprezzato la mia disamina da appassionato e la cosa che mi aggrata di piu e il fatto che quello che ho provato con il manufatto e stato anche da te condiviso piu che altro il mio articolo voleva far notare quante variabili in gioco possono esserci
a partire dal sigaro che cambia da box a box anche in maniera sostanziale
l invecchiamento come te hai sapientamente sottolineato
ma anche i distillati essendo creati dall uomo le variabili sono innumerevoli
terroir ma ancor prima materia prima metodo di fabbricazione ed non per ultimo maturazione ed invecchiamento che matematicamente in combinazione con il sigaro vanno a creare variabili algebricamente molto alte
in finale la cosa che personalmente piu mi appassiona e piu mi icuriosisce e che il mondo del sigaro e dell enologia sono legati a doppio filo in maniera indissolubile con molte analogie tra loro
ed entrambi sono prodotti dall uomo ed a volte anche in maniera casuale [p] [p] [p] [p]

nicASCC
Messaggi: 4379
Iscritto il: 08 feb 2003 21:02
Cigar Club CCA: Cigar Club Alto Salento

Re: PATAGAS MADURO 1 VS 2 RHUM DI DIVERSI TERROIR

Messaggio da nicASCC » 04 dic 2017 17:28

Grazie Baffo scrivi più spesso delle tue esperienze fumose e di abbinamento sono interessanti quanto uniche soprattutto per L' abbinamento di tre Rum. Io e Giuseppe a Roma in occasione del secondo Showrum abbiamo avuto la fortuna di abbinarne 5 con un master blandodi Abuelo, di origine polacca , che ha dettato la sequenza dell'abbinamento azzeccando tutto.
Sono convinto che specialmente con il rum questo si possa fare, con un RASS noi abbinammo Abuelo12, Tris riviere 12, Appelton 12, Section de Maestros e un quinto . Posso dire che avendoli testati prima sembrava che l'Abuelo tenuto per ultimo non dovesse reggere la forza, anche la giovane forza, del RASS invece risultó alla platea di sommelier e fumatori il più gradito nonostante si fumasse l'ultima parte del sigaro ed era l'abbinamento più riuscito.

BAFFO MAGICO
Messaggi: 12
Iscritto il: 29 nov 2017 19:03
Nazione: ITALIA
Cigar Club CCA: BACCOETABACCO

Re: PATAGAS MADURO 1 VS 2 RHUM DI DIVERSI TERROIR

Messaggio da BAFFO MAGICO » 07 dic 2017 12:21

nicASCC ha scritto:Grazie Baffo scrivi più spesso delle tue esperienze fumose e di abbinamento sono interessanti quanto uniche soprattutto per L' abbinamento di tre Rum. Io e Giuseppe a Roma in occasione del secondo Showrum abbiamo avuto la fortuna di abbinarne 5 con un master blandodi Abuelo, di origine polacca , che ha dettato la sequenza dell'abbinamento azzeccando tutto.
Sono convinto che specialmente con il rum questo si possa fare, con un RASS noi abbinammo Abuelo12, Tris riviere 12, Appelton 12, Section de Maestros e un quinto . Posso dire che avendoli testati prima sembrava che l'Abuelo tenuto per ultimo non dovesse reggere la forza, anche la giovane forza, del RASS invece risultó alla platea di sommelier e fumatori il più gradito nonostante si fumasse l'ultima parte del sigaro ed era l'abbinamento più riuscito.
GRAZIE NIC
a volte proprio l ultima parte del sigaro ,anche se come te mi insegni l evoluzione non e sempre in linea di massima un aumento di forza ma puo essere considerato come un cambio di passo,anche se in maggioranza esprime una complessita ed una forza maggiore e positivo e riesce meglio a tener testa a rhum agricoli dove la percezione alcoolica e maggiore altrimenti ho notato che su blend piu leggeri le complessita e l elevata gradazione alcoolica come full proff ed over proff sovrasta i nostri amati PUROS [p] [p] [p] [p]

nicASCC
Messaggi: 4379
Iscritto il: 08 feb 2003 21:02
Cigar Club CCA: Cigar Club Alto Salento

Re: PARTAGAS MADURO 1 VS 2 RHUM DI DIVERSI TERROIR

Messaggio da nicASCC » 09 dic 2017 15:45

[ok]

Rispondi